Vai alla Home Page del Comune di Cento (Ferrara) Ritorna alla Home Page
Lunedì, 20 Novembre 2017
Info in English Info auf Deutsch
carattere » Imposta la dimensione del carattere predefinita Imposta la dimensione del carattere grande Imposta la dimensione del carattere molto grande
 
Logo stampa

Si è insediata la commissione toponomastica.


Si è insediata lunedì 13 novembre la Commissione Toponomastica, convocata e presieduta dal sindaco Fabrizio Toselli, affiancato dalla vicepresidente, l'assessore Mariacristina Barbieri.

La Commissione, che ha ruolo consultivo e a cui è demandato l'esame delle proposte in materia di toponomastica, è composta Mariateresa Alberti, Leonardo Alberghini, Bruno Bertelli, Sergio Guaraldi, Massimo Pirani e Anna Maria Tassinari.
«Vi ringrazio per la disponibilità - li ha salutati il primo cittadino -. Dovremo affrontare diversi temi: problematiche che sono state segnalate dai cittadini e che progressivamente dovremo andare a sanare; progettazioni e attività da condurre per valorizzare il nostro territorio, la sua storia, le sue figure di spicco e le sue eccellenze».
Il primo incontro, iniziato con l'illustrazione del regolamento comunale e l'organizzazione delle attività, è stato caratterizzato da immediata operatività.
Diversi i temi all'ordine del giorno, a partire dalla denominazione del campo sportivo di XII Morelli, rispetto alla quale si sono aperte valutazioni basate sulla richiesta del luglio scorso della consulta civica, ma anche sulle precedenti pervenute nel corso degli anni.
Si è quindi discusso dell'intitolazione a Monsignor Baviera di un luogo cittadino: si è ipotizzata nell'immediatezza l'area prospiciente la Collegiata di San Biagio, in concomitanza con la restituzione della chiesa alla comunità, per poi arrivare ad individuare in futuro anche una via cittadina. È stata avanzata, peraltro, la proposta di intitolazione anche a un altro personaggio di spicco quale monsignor Samaritani.
Si è quindi iniziato ad affrontare il problema dell'omonimia di alcune vie del territorio, che determinano difficoltà a cittadini e aziende. Si dovrà valutare in quale termini affrontarne la correzione, affiancando cittadini e imprese nelle modifiche anagrafiche conseguenti.
Infine, l'idea di uniformare via via i cartelli, introducendo peraltro elementi di maggiore connotazione dei personaggi che danno il nome a vie, piazzi e portici, e di avviare un nuovo metodo che attesti le modalità di posa di questa tipologia di segnaletica per verificarne correttezza e omogeneità.

 
membri commissione toponomastica
 
 
 
crediti | accessibilità